Fondo di Garanzia dei Depositanti

Il sistema delle Banche di Credito Cooperativo, Casse Rurali ed artigiane, ha un proprio strumento per tutelare tutti i suoi clienti: è il Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo.

Logo FONDO di GARANZIA dei DEPOSITANTI

Scopo del Fondo è la tutela dei depositanti, secondo quanto previsto dalle norme italiane ed in linea con una specifica direttiva della comunità economica europea. Il Fondo infatti interviene in eventuali situazioni di crisi o di difficoltà delle banche consorziate, correggendole grazie ai mezzi finanziari messi a disposizione da tutti gli istituti di credito aderenti.

Al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo aderiscono:

  • le Banche di Credito Cooperativo italiane (o Casse Rurali ed Artigiane), Casse Rurali in Trentino, Casse Raiffeisen in Alto Adige
  • le succursali delle Banche di Credito Cooperativo estere che operano in Italia
  • l'Iccrea
  • le Casse Centrali di Trento e Bolzano
A tutela della funzione sociale del risparmio e della funzione monetaria dell'intermediazione, il Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo, istituito nel 1997 per rispondere alle indicazioni della normativa europea interna di tutela del depositi, garantisce- alla pari di quanto avviene per il resto del sistema bancario - i titolari di conti correnti e depositi bancari presso le Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali entro il limite massimo di legge di 103 mila Euro.

Va ricordato che il Fondo di Garanzia di Depositanti, ha integrato il pre-esistente Fondo Centrale di Garanzia, che le BCC avevano (uniche banche in Italia) dal 1978, ovvero 19 anni prima che fosse prevista per legge la tutela dei depositi della clientela.

Come Funziona

Il Fondo di Garanzia degli Depositanti del Credito Cooperativo copre, gratuitamente, il rischio di mancato rimborso del capitale e degli interessi maturati sui depositi con l'obiettivo di ammortizzare le ripercussioni di eventuali dissesti bancari.

Si tratta, quindi, di uno strumento di garanzia dei depositanti del Credito Cooperativo organizzato in forma di consorzio, riconosciuto dalla Banca d'Italia, a cui sono obbligatoriamente tenute ad aderire tutte le BCC, che ha lo scopo di garantire i risparmiatori delle consorziate entro il limite massimo di Euro 103.291,38 per ogni titolare di depositi nominativi (quali conto corrente, depositi a risparmio nominativi, certificato di deposito nominativi, buoni fruttiferi).

Il limite massimo della copertura, previsto per il singolo depositante e non per i singoli conti del depositante, è pari a 103.291,38 euro. In caso di cointestazione del deposito, il limite del rimborso si applica singolarmente a ciascuno degli intestatari.

Nessuna tutela e' invece prevista per i depositi al portatore (certificati di deposito al portatore o libretti di risparmio al portatore).

Il Fondo interviene, a seguito di autorizzazione della Banca d'Italia, in casi di liquidazione coatta amministrativa e di amministrazione straordinaria e agisce altresì con forme integrative di supporto qualora si verifichino situazioni di difficoltà delle banche consorziate, anche in mancanza delle procedure sopra indicate.
Ulteriori dettagli in relazione al Fondo sono reperibili a questa pagina web.