titolo iniziative

Iniziative 

 
22/06/2018
Con CBill paghi tutti i bollettini da computer, tablet, smartphone e ATM

cbill_2018_800X532_M

CBill è un servizio innovativo che ti semplifica la vita in pochi semplici passaggi perché consente di consultare e pagare le tue bollette in pochi secondi su computer, tablet, smartphone e ATM.

Con CBILL possono essere pagati: bollettini di utenze domestiche (luce, acqua, gas, telefono e altro), quote di adesione a ordini professionali, tributi e tasse, somme dovute a vario titolo verso P.A., centrali e locali, ticket sanitari e prestazioni mediche, trasporto pubblico locale, cartelle esattoriali Agenzie delle Entrate –Riscossione (ex-Equitalia), servizi scolastici e parascolastici (es. mense), acquisto di ticket eventi, manifestazioni, bollo auto.

La novità
Dal Relax Banking si potevano già pagare le bollette della luce o del gas ma non ad esempio le bollette del telefono, le tasse, i ticket sanitari, o viceversa. Questo avviene perché non tutte le aziende che ti forniscono questi servizi hanno stipulato un accordo con la tua banca. CBILL supera questo limite e mette d’accordo le banche e tutti coloro che per riscuotere pagamenti si servono dei bollettini: da chi ti fornisce la luce, l’acqua, il gas, il telefono, internet fino ad arrivare ai ticket, alle prestazioni sanitarie, ai trasporti ecc.

Come funziona?
Accedi al tuo Relax Banking  da PC, Tablet, smartphone  o all’ATM e cerca CBill: seleziona l’azienda da pagare ed effettua il pagamento.

I vantaggi
In tutto questo il cliente hai il vantaggio di pagare comodamente da casa, dal tuo pc o tablet. O anche in mobilità da smartphone, atm, tablet e sportello.

Sempre più cashless
Il Servizio CBILL, attivo da due anni, consente già di pagare i bollettini di più di 170 aziende private e, attraverso il sistema pagoPA, circa 12.000 Pubbliche Amministrazioni. In due anni CBILL è stato scelto per effettuare oltre 8,5 milioni di pagamenti per un controvalore di circa 2,5 miliardi di euro. Il Servizio CBILL favorisce altresì la riduzione nell’uso del contante e, pertanto, supporta anche gli obiettivi più generali di riposizionamento dell’Italia nella media europea nell’utilizzo di strumentialternativi al contante stesso.